Facebook

#TiVotoSeTiImpegni

SILVANA CREMASCHI

SCHEDA SILVANA CREMASCHI

SILVANA

+EUROPA
CIVICA POPOLARE LORENZIN
ITALIA EUROPA INSIEME
PARTITO DEMOCRATICO
  Camera Uninominale
Circoscrizione Friuli-Venezia Giulia
Collegio Friuli-Venezia Giulia - 04
Codroipo


La candidata ha inoltrato le seguenti risposte articolate per ciascuna domanda:

D: Ti impegnerai per rimuovere il divieto di partecipazione per le Università e aziende ai bandi europei sulle malattie rare?

R: Credo che la ricerca sulle malattie rare debba essere finanziata con fondi pubblici e condotta da servizi pubblici, o comunque con un controllo che garantisca il superamento di possibili conflitti di interesse; la risposta quindi potrebbe essere “si, certo, ma… quali università e quali aziende?”

D: Ti impegnerai per la ricerca sugli embrioni italiani, anche per quanto riguarda la modificazione del genoma con finalità terapeutica?

R: La risposta è si, se per finalità terapeutiche si intende che in caso di malattia genetica dei genitori e di impianto di ovuli sia necessario un impianto di ovuli fecondati non portatori della alterazione genetica di cui sopra; la risposta è dubbiosa in caso di rischio di “ricerca eugenetica” si fini di riprodurre un figlio con le caratteristiche fenotipiche desiderate: pura razza ariana, occhi azzurri….

D: Ti impegnerai per rimuovere gli ultimi divieti della legge per quanto riguarda "i single" e per regolamentare la gestazione per altri?

R: Non è chiara la domanda; rimuovere i divieti per i single in merito alla gestazione, all'adozione, all'affido, ad altro? Ritengo che i figli abbiano diritto ad avere genitori, che i genitori possano essere buoni genitori indipendentemente dall'essere coppia o da quale tipologia di coppia essi siano; la regolamentazione della gestazione per altri è indispensabile; la preoccupazione è sempre relativa alla necessità di non mercificare l'utero di donne comprate per fare figli per non rovinare l'estetica ed il corpo di donne ricche ed attente al loro aspetto, e alla necessità di non mercificare i figli che rischiano di essere comprati affittando l'utero e i geni di donne ( o di uomini, o di entrambi) con le caratteristiche genetiche e fenotipiche desiderati. Vedi impianto su ovuli di donna bionda e nordica con gestazione richiesta a donna del sud del mondo perché costa meno.

D: Ti impegnerai per legalizzare l'eutanasia e l'assistenza alla morte volontaria per pazienti sottoposti a sofferenze insopportabili a causa di malattie irreversibili?

R: Mi impegnerò e mi sono impegnata per le dichiarazioni anticipate di trattamento, per tutti, anche per i minori, grandi dimenticati, mi impegnerò per la terapia del dolore e per il miglioramento delle cure a domicilio, in ospedale, in hospice, mi impegnerò per una umanizzazione delle cure in caso di malattia in fase terminale, mi impegnerò affinché la morte non sia scotomizzata e resa puro fatto medico ma torni a far parte della vita, accettata come inevitabile fine di ogni essere umano, e resa esente da inutili prolungamenti di “non vita”, contro l'accanimento terapeutico quindi; credo che nel percorso di fine vita i farmaci contro il dolore possano avere l'effetto anche di aiutare il corpo a rilassarsi e a smettere “la fatica di vivere” e che in questo senso sia necessario ascoltare il paziente e i familiari e personalizzare il sostegno sanitario del “fine vita”…. se invece per eutanasia si intenda la morte assistita per chiunque, anche per chi potrebbe essere curato con cure possibili, sopportabili e non invasive… allora credo che il dibattito debba avvenire senza preconcetti ma in modo approfondito.

D: Ti impegnerai per imporre a tutti i comuni l'adozione dei Piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche e arrivare alla piena equivalenza in ogni sede della firma digitale con la firma autografa?

R: Certo che si, ma anche qui la domanda è su diversi piani, e inoltre di barriere da abbattere ce ne sono anche altre

D: Ti impegnerai per sostenere il corretto recepimento della direttiva Comunitaria 2010/63/UE in materia sperimentazione animale, adeguando la norma di recepimento di detta direttiva?

R: Si, sicuramente, l'utilizzo di animali in fase di sperimentazione deve essere controllato, la direttiva mi pare ponga i corretti termini per la sperimentazione

D: Ti impegnerai per superare le proibizioni in materia di piante geneticamente migliorate, avviando la sperimentazione in campo aperto da piante ottenute attraverso modificazione del genoma?

R: Non capisco l'attinenza di questo tema rispetto ai precedenti; credo che la modificazione genetica delle piante non comporti rischi sanitari per le persone; sono convinta che la protezione per il biologico, per i prodotti specifici locali, per il doc, vada attuata soprattutto in italia, paese in cui la biodiversità è notevole e va salvaguardata, oltre che a difesa della natura ( e della biodiversità che è una ricchezza in campo umano, animale e vegetale) anche a difesa della nostra economia; pertanto la risposta è: parliamone, senza preconcetti, ma in modo esaustivo.

D: Ti impegnerai per superare il monopolio pubblico della produzione di cannabis, per promuovere studi scientifici e trial clinici sulla cannabis terapeutica e su altre piante e sostanze oggi proibite?

R: Mi impegnerò e mi sono impegnata per superare il monopolio delle case farmaceutiche sulla produzione della cannabis, credo che la sperimentazione in atto in italia (condotta per ora presso istituto di ricerca militare, mi risulta) sia una prima fase; credo che vada ampliata la produzione almeno alle università, e poi progressivamente allargata, con un controllo del pubblico molto chiaro

D: Ti impegnerai per legalizzare la cannabis e depenalizzare l'uso e il possesso di tutte le altre sostanze illecite, sperimentando modalità di legalizzazione controllata, e promuovendo la riduzione del danno?

R: Mi sono impegnata e continuerò a farlo nei confronti di una depenalizzazione dei reati connessi ad uso e detenzione di cannabis (vedi proposta di legge di numerose associazioni tra cui antigone); ritengo che i concetti e le pratiche volte alla riduzione del danno debbano essere parte delle politiche relative alle dipendenze; ritengo necessario un dibattito senza preconcetti ma che affronti in modo più ampio i temi relativi alle dipendenze da sostanze: alcool, fumo, farmaci, cannabis e altre sostanze; le soluzioni possono essere differenziate in base ai rischi reali per la salute e per il benessere fisico e psichico della popolazione.

 

SILVANA CREMASCHI HA RISPOSTO AI QUESITI

Malattie rare

SILVANA CREMASCHI non intende rispondere per rimuovere il divieto di partecipazione per le Università e aziende ai bandi europei sulle malattie rare

Ricerca scientifica

SILVANA CREMASCHI si attiverà per la ricerca sugli embrioni italiani, anche per quanto riguarda la modificazione del genoma con finalità terapeutica

Procreazione assistita

SILVANA CREMASCHI non intende rispondere per rimuovere gli ultimi divieti della legge per quanto riguarda “i single” e per regolamentare la gestazione per altri

Eutanasia

SILVANA CREMASCHI si attiverà per legalizzare l'eutanasia e l'assistenza alla morte volontaria per pazienti sottoposti a sofferenze insopportabili a causa di malattie irreversibili

Disabilità

SILVANA CREMASCHI si attiverà per imporre a tutti i comuni l’adozione dei Piani per l’eliminazione delle barriere architettoniche e arrivare alla piena equivalenza in ogni sede della firma digitale con la firma autografa

Sperimentazione animale

SILVANA CREMASCHI si attiverà per sostenere il corretto recepimento della direttiva Comunitaria 2010/63/UE in materia sperimentazione animale, adeguando la norma di recepimento di detta direttiva

Miglioramento geni vegetali

SILVANA CREMASCHI non intende rispondere per superare le proibizioni in materia di piante geneticamente migliorate, avviando la sperimentazione in campo aperto da piante ottenute attraverso modificazione del genoma

Cannabis terapeutica

SILVANA CREMASCHI si attiverà per superare il monopolio pubblico della produzione di cannabis, per promuovere studi scientifici e trial clinici sulla cannabis terapeutica e su altre piante e sostanze oggi proibite

Droghe e legalizzazione

SILVANA CREMASCHI si attiverà per legalizzare la cannabis e depenalizzare l’uso e il possesso di tutte le altre sostanze illecite, sperimentando modalità di legalizzazione controllata, e promuovendo la riduzione del danno

Gli impegni presi

SILVANA CREMASCHI si impegna su 6 temi su 9

FIRMA L'APPELLO

Firma l'appello per impegnare i candidati sui temi della scienza e delle libertà







CONDIVIDI L'APPELLO

#TiVotoSeTiImpegni

Contatti

Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica
via di Torre Argentina, 76 - 00186 Roma, Italia
+39 06 68979286
+39 06 23327248
info[at]associazionelucacoscioni.it